CERCA per parola chiave
Contatore visite:
AMEV è su FACEBOOK!
Storia della nostra battaglia

2003 ANNO EUROPEO DELLE PERSONE CON DISABILITA'

PRENDETE UN PENNELLO ED AIUTATEMI A DISEGNARE . . . DEVO FINIRE DI COLORARE IL MONDO CHE VORREI ABITARE! ( Bandabardò)

Link Amici Bandabardò.it

Calendario delle NEWS
ottobre: 2020
L M M G V S D
« Apr    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
Tag Cloud

PostHeaderIcon 9/04/2020 – NEWS DA PARLAMENTO ED AUGURI

INFORMATIVA
Porgo un saluto a tutti coloro che hanno seguito e sostenuto le iniziative dell’AMEV negli anni.
Vi informo che siamo consapevoli della straordinaria emergenza sanitaria che ha colpito tutto il mondo
ed riteniamo giusto rispettare tutte le regole disposte dalle autorità sanitarie al fine di contenere l’epidemia
di COVID-19.
Apprezziamo i risultati che le regole di igiene stanno producendo e ci stringiamo al fianco di chi combatte ed ha combattuto
lottando contro l’epidemia con tutti i mezzi disponibili, sacrificando la propria vita.
Siamo profondamente addolorati per la perdita di molte vite ed esprimiamo un commosso saluto a chi ha perduto i propri cari e vive ancora nel dolore e nella paura per la propria salute.
E’ difficile prendere atto della grande difficoltà che il sistema industriale ha dimostrato di fronte all’emergenza,
ed in particolare osserviamo che la tempistica necessaria per avviare meccanismi produttivi finalizzati alla
fornitura degli strumenti di protezione individuale non è stata all’altezza dell’emergenza.
Ciò significa che il sistema industriale mondiale non possiede la elasticità necessaria a fronteggiare
una emergenza che mette in serio pericolo la sua stessa sopravvivenza.
L’incredibile rapidità di questo attacco globale ci ha insegnato che la misura della efficacia del meccanismo difensivo
non dipende dalla disponibilità di risorse economiche che, per quanto esistenti, non sono state sufficienti a
creare una immediata barriera individuale o collettiva, contro la diffusione dell’agente patogeno.
E’ davvero incredibile constatare che il livello di conoscenze scientifiche raggiunto dalla civiltà umana
non ha consentito di individuare la chiave biochimica per chiudere le porte di accesso al virus aggressivo.
Tuttavia i dati clinici statistici hanno dimostrato che il corpo umano è stato comunque capace, in molti casi,
di resistere agli attacchi del virus, senza manifestare e subire lesioni.
Questo è certamente un dato incoraggiante ed è l’inizio della formazione di una barriera umana capace
di resistenza ad ulteriori attacchi, nonostante la carenza di farmaci di assoluta efficacia.
Ulteriore ragione di speranza è costituito dalla ormai accertata inversione di tendenza, in senso positivo,
registrata nella città di origine del contagio in Cina.
Dobbiamo ragionevolmente credere che le norme di igiene, applicate a livello mondiale produrranno effetti positivi
per tutto il tempo che sarà necessario alla scienza per individuare gli strumenti di cura adeguati a far regredire
e ad impedire ulteriori contagi.
In questi mesi, nella convinta speranza che la situazione sanitaria migliorerà in tutto il mondo abbiamo comunque
sollecitato il Parlamento ad intervenire per predisporre strumenti di tutela giuridica orientati nei confronti delle
persone e delle famiglie che abbiamo subito effetti avversi indesiderati negli anni in cui è stato necessario
somministrare su vasta scala dosi di vaccinazioni che hanno provocato lesioni su organismi non sufficientemente
capaci di costruire difese immunitarie.
Riteniamo che la scienza troverà un vaccino contro il corona virus, ma l’emergenza non consentirà di riconoscere immediatamente
possibili reazioni indesiderate che potranno manifestarsi, più o meno raramente.
L’esperienza ventennale dell’Associazione, nell’assistenza alle vittime di effetti collaterali, ci porta a guardare
avanti nell’orizzonte della tutela giuridica, affinché, anche nel caso della battaglia contro il corona virus,
nessuno debba sacrificare la propria esistenza per il rispetto
di una norma di interesse pubblico, senza essere certo di un intervento pubblico adeguato all’eventuale pregiudizio
subito, sia a livello individuale che a livello familiare.
In questa prospettiva, che non mette in discussione la necessità di individuare ogni possibile farmaco idoneo
a tutelare la vita e la salute dei cittadini, l’Associazione ha chiesto ed ottenuto dalla Camera dei Deputati,
la presentazione della nuova proposta di legge n. 1069 che può essere consultato cliccando su questo link
leg18pdlcamera1069.pdf
(disponibile sul sito della Camera dei Deputati,a firma On.le Lorefice ed altri),
che in parole semplici dichiara imprescrittibili le domande di indennizzo per danni da vaccinazione, aumenta il beneficio nel caso
di pluralità di patologie ed estende agli appartenenti allo stesso nucleo familiare, l’indennizzo per danno psicologico
derivante dalla lesione farmacologica.
La legge individua anche le modalità di reperimento delle risorse finanziarie nel Bilancio dello Stato.
Mi riservo di fornirvi ulteriori chiarimenti quando verrà avviata la discussione parlamentare che affronterà il
problema della applicazione di queste norme di tutela anche alle vaccinazioni future.
Concludiamo questa comunicazione con un sincero augurio che possa essere trovato un rimedio alla pandemia in corso
sottolineando la necessità di rispettare le norme di igiene e di restare a casa e trascorrere le prossime festività
nella osservanza delle disposizioni di precauzione sanitaria.
Il Presidente dell’AMEV
Avv. Marcello Stanca

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Rapporti con i Media